Crea sito

Buffon: ‘Lascio la Juve a fine anno, valuto il ritiro’



La lunga avventura di Gigi Buffon alla Juventus finirà al termine di questa stagione. Ad annunciarlo è stato lo stesso portiere in un’intervista a Bein Sports. “Il mio futuro è chiaro e delineato – ha detto -. Quest’anno si chiuderà in maniera definitiva questa bellissima e lunghissima esperienza con la Juve. O smetto di giocare oppure, se trovo una situazione che mi dà stimoli per giocare o fare un’esperienza di vita diversa, la prendo in considerazione. Ai bianconeri penso di aver dato tutto: ho ricevuto tutto e più di così non si può fare. Siamo arrivati alla fine di un ciclo ed è giusto togliere il disturbo”. Il n° 1 bianconero ha analizzato anche cosa non è andato in quest’annata: “Ci è mancata continuità – ha spiegato -. Alla fine le partite giocate contro le prime 5-6 squadre della classifica le abbiamo spesso vinte. Ogni tanto le abbiamo pareggiate, alcune volte abbiamo perso. Però ce la siamo sempre giocata alla pari. Invece è contro le formazioni meno blasonate che abbiamo perso punti stupidi: ciò vuol dire che la squadra deve ancora crescere caratterialmente”. E su Ronaldo ha aggiunto: “Ho un ottimo rapporto con lui. È un ragazzo che mi piace molto. Ha segnato tanti gol come sempre, come negli ultimi anni. Sarà elogiato quando anche la squadra raggiungerà obiettivi importanti”.

Buffon all’epilogo in bianconero

approfondimento

Dybala titolare, torna la Lu-La: le probabili

La carriera di Buffon alla Juve inizia nell’estate del 2001, quando i bianconeri reinvestono parte dei soldi incassati dalla cessione di Zidane al Real Madrid per acquistare il portiere dal Parma: quasi 53 milioni di euro sborsati ai gialloblù per mettere le mani su uno dei migliori n°1 al mondo. Un’esperienza ventennale con la Vecchia Signora – fatta eccezione per la stagione 2018/19, giocata con la maglia del Psg – in cui ha conquistato 20 titoli e inanellato una serie di record personali. Da quello degli scudetti vinti, 10, a quello delle maggiori presenze in Serie A, battendo Maldini, fino al primato di minuti di imbattibilità (974) ‘sottratto’ a Sebastiano Rossi. Ora vuole chiudere l’esperienza bianconera centrando gli ultimi due obiettivi: arrivare tra le prime 4 in campionato e vincere la Coppa Italia contro l’Atalanta.



Source link